To provide the best possible service, we use cookies on this site. Continuing the navigation you consent to use them. Read more.

Venezia – seguendo Carlo Scarpa

Dopo la sospensione forzata dovuta alla pandemia, le Università Iuav e Ca’ Foscari, la Fondazione Querini Stampalia e il FAI-Negozio Olivetti aprono un ciclo di iniziative rivolte agli studenti e alla cittadinanza dedicate all’architetto e designer Carlo Scarpa. 

La serie di appuntamenti si apre nell’area scarpiana della Querini Stampalia sabato 4 dicembre con l’inaugurazione della mostra “In luce”, gli scatti di Alessandra Chemollo nella Gypsotheca di Possagno, a cura di Maddalena Scimemi. La mostra ha come tema centrale  la suggestiva relazione tra le opere di Antonio Canova, le architetture di Carlo Scarpa e la luce, dosata e orientata nello spazio, rende ancora più vive queste forme sospese dal tempo.

Si prosegue il 7 dicembre alle 14 nell’auditorium del Cotonificio Iuav con Carlo Scarpa. Incontri, a cura di Maria Bonaiti e con la presenza del rettore Iuav, e con gli interventi Carlo Scarpa per Adriano Olivetti a Venezia di Roberta Martinis e I frammenti del concetto. Fotografia e Architettura di Alessandra Chemollo.

Il 20 dicembre alle 10 con la guida degli studenti collaboratori del Ca’ Foscari Tour si inaugura un ciclo di visite a spazi difficilmente accessibili, quali l’aula Baratto a Ca’ Foscari e la boiserie, una vera e propria “foresta della conoscenza” realizzata in faggio, noce e ciliegio, che garantisce il passaggio tra corridoio e sala in un gioco di forme e richiami con la polifora (l’iconica finestra multipla divisa da colonnine) affacciata sul Canal Grande. 

Il 21 dicembre sono previste tre visite guidate alla scoperta di due spazi straordinari ridisegnati dall’architetto: alle 10 il Negozio Olivetti in Piazza San Marco, alle 11 l’area Carlo Scarpa della Querini Stampalia, una esemplare combinazione di antico e nuovo, passato e presente, acqua e luce; alle 15 il tour combinato Carlo Scarpa con Best Venice Guides.

In programma anche prossime aperture straordinarie di spazi raramente visitabili, quali la Fondazione Masieri, che sarà aperta al pubblico in occasione di visite guidate a cura delle istituzioni partner. Un viaggio che si dirama nelle calli veneziane alla scoperta dell’anima ancora risonante all’interno delle opere Carlo Scarpa. 

Per info e prenotazioni visitare www.iuav.it/carloscarpaavenezia

Photo: Università Iuav di Venezia