To provide the best possible service, we use cookies on this site. Continuing the navigation you consent to use them. Read more.

Serpentine Pavilion 2019 designed by Junya Ishigami

È stato inaugurato il 21 giugno, e resterà aperto fino al 6 ottobre il Serpentine Pavilion 2019, disegnato quest’anno dall’architetto giapponese Junya Ishigami, celebrato per le sue strutture sperimentali che interpretano convenzioni architettoniche tradizionali e riflettono fenomeni naturali.

Il design di Ishigami prende ispirazione dai tetti, la caratteristica architettonica più comune utilizzata in tutto il mondo. Il design del Serpentine Pavilion 2019 è realizzato disponendo le liste in ardesia per creare un unico tetto a baldacchino che sembra emergere dal terreno del parco circostante. All’interno lo spazio del Padiglione è racchiuso come una caverna, un rifugio per la contemplazione. Per Ishigami, il Padiglione articola la sua filosofia dello “spazio libero” in cui cerca l’armonia tra le strutture create dall’uomo e quelle che già esistono in natura.

Descrivendo il suo lavoro, Ishigami ha commentato: “Il progetto per il padiglione gioca con le prospettive dell’ambiente costruito sullo sfondo di un paesaggio naturale, sottolineando una sensazione naturale e organica, come se fosse cresciuta fuori dal prato, simile a una collina fatta di rocce. Questo è un tentativo di integrare l’architettura tradizionale con metodologie e concetti moderni, per creare in questo luogo un’estensione di scenari mai visti prima. L’ammasso di roccia richiama la pesante presenza dei tetti di ardesia visti in tutto il mondo, e contemporaneamente appare talmente leggero da poter essere soffiato via dalla brezza, levitando e fluttuando come un pezzo di tessuto”.

Clicca qui per leggere l’intervista di Platform a Junya Ishigami : platformarchitecture.it/junya-ishigami-cultivate

Photo credit . Serpentine Pavilion 2019 Designed by Junya Ishigami, Serpentine Gallery, London (21 June – 6 October 2019), © Junya Ishigami + Associates, Photography © 2019 Norbert Tukaj