To provide the best possible service, we use cookies on this site. Continuing the navigation you consent to use them. Read more.

SCALIURBANI Green Edition

Torna SCALIURBANI (scaliurbani.it), la prima rassegna labronica di rilievo internazionale che attraverso il linguaggio architettonico vuole concorrere alla costruzione di spazi pubblici e di una qualità dell’abitare coinvolgendo nel confronto istituzioni, professionisti del settore e la comunità tutta. Su questi temi, in particolare sull’eco-responsabilità e lo sviluppo sostenibile per i progetti di Architettura, Città, Territorio e Paesaggio del futuro prossimo, più che mai di stringente attualità data l’emergenza pandemica, ruoterà la seconda edizione, tutta digitale, della manifestazione, in programma dal 22 settembre all’8 ottobre sulla piattaforma GoToWebinar nell’ambito del circuito di eventi promossi dall’Unione Europea, quali la Settimana dello Sviluppo Sostenibile (ESDW) e dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS).

L’internazionalità di SCALI URBANI GREEN EDITION è la chiave di volta su cui edificare un’unità di intenti tra professionisti, istituzioni, imprese e società civile con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita delle persone attraverso un’architettura capace di interpretare le esigenze – già emergenze – dei nostri giorni e fornire proposte sostenibili, in grado di tutelare l’ambiente e rigenerare spazi urbani e territori nella loro complessa diversità.
L’evento raccoglie oltre 50 adesioni tra architetti, accademici, imprenditori, politici, un parterre di esperti a livello globale che in modo trasversale si alterneranno nel ricco palinstesto virtuale di lecture, live talk, seminari, presentazioni di libri, tavole rotonde, un buildings hub che trova nell’Agenda strategica 2030 dell’ONU il motivo ispiratore.

La digital edition vuole essere l’occasione per tornare a esprimere, attraverso l’Architettura, un forte desiderio per la qualità dello spazio nel quale viviamo”, dice Daniele Menichini, presidente dell’Ordine degli Architetti PPC di Livorno e ideatore della rassegna. “Riscoprire il ruolo culturale dell’Architetto e le nuove opportunità, dare una più precisa e sostanziosa risposta alla questione ambientale cambiando l’approccio al concetto di progetto e di tutela sia paesaggistica che ambientale, sono questi i nostri principali obiettivi. Dobbiamo sperimentare qualcosa di diverso senza pensare che la sostenibilità sia indice di minore qualità ed estetica per lo sviluppo del paese. Dobbiamo attivare una rivoluzione culturale, sociale ed economica basata sui principi di un new Green Deal”.

  • Inglese
  • Italiano