To provide the best possible service, we use cookies on this site. Continuing the navigation you consent to use them. Read more.

Nuova Copertura Stadio Comunale

La nuova copertura dello stadio di Travettore è stata progettata dai giovani architetti Paolo Didonè e Devvy Comacchio, entrambi laureati all’università IUAV di Venezia, che nel 2013 hanno deciso di unire le proprie esperienze e capacità nella fondazione dello studio Didonè Comacchio Architects, riuscendo ad ottenere numerosi riconoscimenti per lo sviluppo di concept come la scuola secondaria di Zibido San Giacomo (MI) e il nuovo Palazzetto dello Sport di Nembro (BG).

Il progetto genera con pochi e mirati gesti uno spazio coperto, inserendosi in equilibrio tra il contesto e il campo da gioco, fungendo da cerniera spaziale tra i due.

Le tribune, attualmente poste su un declivio del terreno, sono collocate lungo il lato lungo del campo da calcio. La nuova copertura si conforma come un’unica piastra, composta da travi metalliche, giuntate tra loro a formare un “cassettonato” sospeso tra cielo e terra, sorretto solamente da due setti in cemento ortogonali tra loro, orientati in modo da accogliere gli spettatori e indirizzare al loro vista sul campo.
La struttura nuda diventa architettura e la bellezza dell’opera è data dalla rigorosità forma.

L’illuminazione, posta all’interno della copertura è studiata in modo da enfatizzare i vuoti del “cassettonato” e rendere più leggera la pensilina. A protezione dei corpi illuminanti è stato posto un grigliato metallico dello stesso colore scuro della struttura.

L’insieme di questi elementi forma una vista controllata dal campo da gioco, un ritaglio del contesto naturalistico che sta alle spalle delle tribune, ma allo stesso tempo offre allo spettatore una vista priva di impedimenti sull’attività agonistica, avvertendo un senso di protezione sotto la grande copertura scura.

Info didonecomacchio.com

PROJECT Nuova Copertura Stadio Comunale
ARCHITECT Didonè Comacchio Architects
LOCATION Comune di Rosà, Veneto
YEAR 2020
PHOTO Simone Bossi

  • Inglese
  • Italiano