To provide the best possible service, we use cookies on this site. Continuing the navigation you consent to use them. Read more.

Natuzzi: tante novità per la Milano Design Week

Natuzzi, uno dei principali player mondiali nella produzione e distribuzione di arredamento di design e di lusso, sceglie la Milano Design Week 2022 per presentare in anteprima moltissime novità di prodotto, ma non solo. Novembre Studio, infatti, trasforma radicalmente lo showroom milanese di Natuzzi Italia con un progetto che celebra la cultura e le atmosfere pugliesi. L’anima pugliese dell’architetto e designer si unisce a quella di Natuzzi Italia trasformando radicalmente il flagship store di via Durini: il risultato è un progetto architettonico che celebra in ogni suo elemento la cultura, i colori, le tradizioni, le atmosfere della Puglia.

Con Fabio siamo legati da una connessione profonda, condividiamo l’amore per le nostre radici, per quello che la Puglia ci ha insegnato”, afferma Pasquale Junior Natuzzi, direttore creativo dell’azienda. “Quando abbiamo deciso di ripensare radicalmente il concept dei nostri showroom, il pensiero è andato immediatamente a lui, per la sua capacità unica di interpretare in architettura quei valori di ospitalità, calore, bellezza mediterranea che ci accomunano.

Si tratta di un nuovo modo di immaginare lo spazio, studiato per far emergere gli arredi, ma anche per rendere memorabile l’incontro con il brand e i suoi valori fondanti: mediterraneità, design, armonia, italianità, innovazione e comfort.

Natuzzi è l’interprete perfetto per raccontare la Puglia a un pubblico internazionale”, dichiara Fabio Novembre. “I luoghi hanno un’anima, e la Puglia è sempre stata un crocevia di culture diverse che hanno saputo armonizzarsi. Siamo un simbolico ponte sul Mediterraneo in grado di unire.

Cuore del progetto è l’area centrale, una piazza ideale circondata dalle iconiche luminarie tipiche della cultura pugliese e definita da una serie di archi che richiamano le tradizionali architetture della regione; lo spazio accoglie una lounge multifunzionale disponibile per gli incontri con i clienti e per l’esperienza virtuale in 3D. Intorno si sviluppano diversi ambienti con una impostazione aperta e fluida che consente continui flussi tra gli spazi: i set – quattro dedicati alla zona living e tre alle proposte di total living – evocano gli elementi tipici dei paesaggi pugliesi, le masserie, gli ulivi, la luce calda sul mare. I materiali e le scelte cromatiche sono il coronamento di un’architettura che in tutti i suoi dettagli richiama quelle atmosfere avvolgenti e rilassate del Mediterraneo che i prodotti Natuzzi Italia portano nelle case di tutto il mondo.

 

CIRCLE OF HARMONY – SECOND LIFE

Questo innovativo flagship store sarà la scenografia dove scoprire – da lunedì 6 a domenica 12 giugno – le novità di prodotto oltre a una speciale selezione di pezzi iconici del marchio in una nuova veste impreziosita dalle nuove collezoni di rivestimenti eco-fiber, 100% sostenibili. Natuzzi Italia presenta infatti la nuova collezione The Circle of Harmony – Second Life, che, con la direzione creativa di Pasquale Junior Natuzzi, vede protagonisti l’artista-designer italiano Marcantonio con il pouf Terra e l’olandese Marcel Wanders studio con il divano Adam.

Il progetto di Second Life è nato nel 2019 per creare uno spazio ideale in cui accogliere diverse interpretazioni creative del DNA del brand. Dopo la riflessione sul futuro avviata attraverso le ultime due collezioni The Circle of Harmony (2020) e The Circle of Harmony – Live the Transition (2021), con Second Life Natuzzi Italia riflette così sul concetto di sostenibilità nel suo senso più ampio rappresentando così un terzo capitolo di questa narrazione, una riflessione intorno ad un tema di forte attualità: come orientare la produzione degli arredi verso una sostenibilità che sia sempre più coerente e concreta.

 L’obiettivo è dare vita a una progettazione e a una produzione più consapevoli. Creare una bellezza senza tempo in grado di valicare il tempo stesso. Una collezione di pezzi mirati, studiati per durare una vita, con l’idea pulita di abbattere l’inquinamento, realizzando materiali che vivono una preziosa seconda vita: riciclati, riutilizzati, ripensati; oggetti dove funzionalità ed estetica convivono in perfetto equilibrio. racconta Pasquale Junior Natuzzi.

Marcantonio si confronta con la progettazione di un pouf: un imbottito dall’identità fluida, uno statement piece che rappresenta la sintesi della nuova filosofia progettuale Natuzzi inaugurata con Second Life e che si fonda sulla necessità di ripensare il mondo dell’arredo con una maggiore consapevolezza, tenendo conto dei materiali, del processo, del contesto. Il risultato è Terra, un progetto pensato per essere a impatto zero sull’ambiente, un volume dalle forme smussate, linee colme di stondature e morbidezze che evocano le forme di un’oliva sulla terra rossa dei paesaggi pugliesi. Le estremità di seduta e schienale sono collegate tra loro da leggere bretelle che creano un’inattesa circolarità e sublimano l’intero progetto.

La nuova collezione The Circle of Harmony – Second Life si compone poi del divano modulare Adam di Marcel Wanders studio. Adam nasce con la volontà di unire materiali sostenibili e un design senza tempo alle ispirazioni nate dalla Puglia, la regione che rappresenta le radici del marchio e simboleggia quello stile di vita mediterraneo che il brand porta in tutto il mondo. Per creare il divano Adam Marcel Wanders studio ha percorso un ideale viaggio nella storia del brand e del suo stile. Il risultato è un divano dallo stile casual modern, che fa del comfort visivo e sensoriale il suo tratto distintivo. Adam è una reinterpretazione dello stile Natuzzi, nonché l’archetipo per i futuri divani, mobili che vivono una “second life” proprio perché capaci di durare nel tempo.

Il concept Second Life si esprime anche nella nuova collezione di rivestimenti sostenibili presentata da Natuzzi Italia. Dopo il lancio nel 2020 della collaborazione con lo studio olandese di textile innovation BYBORRE, che ha dato origine alla collezione di tessuti Water – realizzati con un filato che combina lana di altissima qualità e PES riciclato –, il brand presenta quest’anno una serie di nuove fibre pensate per ottenere il massimo impatto positivo sull’ambiente e sull’uomo: Gaia e Origami.

Gaia è una sperimentale fibra vegan che riproduce in modo straordinario la texture della pelle: l’estrema innovazione di Coronet, azienda che produce materiali tecnici con un’elevata attenzione alla sostenibilità, incontra infatti l’eccellenza artigianale di Natuzzi nella lavorazione della pelle, dando origine a una completa e armoniosa fusione tra tradizione e modernità.

Origami è un tessuto che si compone prevalentemente di fibra di carta – prodotto ecologico e sostenibile, 100% naturale – unita a ciniglia floccata di nylon su rovescio. Naturale e resistente, al tatto simile ad un lino, ma con un effetto più pastello, Origami presenta qualità ignifughe intrinseche, grazie alla carta che non crea combustione ma si trasforma subito in cenere, caratteristica che ne rende sostenibile anche lo smaltimento.

 

Per celebrare il concept Second Life, Natuzzi Italia ha affidato all’artista e designer Marcantonio una installazione evocativa e suggestiva nel cortile di Palazzo Durini Caproni di Taliedo che ospita lo showroom milanese del marchio. Obiettivo ideale è quello di coinvolgere tutti i visitatori nello spirito del Circle of Harmony, crocevia di esperienze, suggestioni e blending creativi.

Partendo dall’idea di rinascita e volendo sottolineare lo stretto legame che oggi più che mai ci unisce alla natura e all’ambiente, Marcantonio ha deciso di trasformare uno dei più significativi cortili del centro di Milano in un mondo da fiaba in cui dalla pavimentazione, o meglio, dalla terra, spuntano giganteschi germogli di ulivo. Germogli rappresenta un omaggio al connubio tra uomo e natura e, al contempo, punta i riflettori su un urgente problema che attanaglia gli uliveti in Puglia e necessita di un’azione incisiva: la xylella. Questo infestante batterio infatti causa ingenti problemi agli uliveti e rischia di compromettere le coltivazioni in tutta Europa.

L’azienda ha deciso quindi di sensibilizzare il pubblico della settimana del design milanese verso temi che si propongono con urgenza rispetto alla protezione di ecosistemi così preziosi. Il secondo progetto di installazione che Natuzzi propone insieme a Germogli è la mostra fotografica TRE(E)PIDATION di Giampaolo Sgura all’interno del nuovo showroom di via Durini ripensato da Fabio Novembre e l’installazione Germogli di Marcantonio nel cortile di Palazzo Durini Caproni di Taliedo adiacente al flagship store.

La tragica epidemia di Xylella che negli ultimi anni sta infestando gli ulivi pugliesi uccidendo milioni di esemplari è il tema attorno al quale ruota la mostra fotografica TRE(E)PIDATION di Giampaolo Sgura. Sgura, uno dei fotografi di moda più conosciuti e talentuosi del panorama internazionale, è stato incaricato da Natuzzi Italia di produrre 3 immagini iconiche per celebrare la bellezza, la forza e l’energia degli ulivi secolari pugliesi e fissare nella memoria un paesaggio che rischia di scomparire per sempre e con esso una parte della storia e della cultura mediterranea. Le opere saranno esposte durante la Milano Design Week nella sala principale del nuovo flagship store di via Durini ripensato da Fabio Novembre.

 

NUOVA COLLEZIONE THE CIRCLE OF HARMONY – SECOND LIFE: MARCANTONIO E MARCEL WANDERS STUDIO
NUOVO CONCEPT STORE DI FABIO NOVEMBRE
MOSTRA FOTOGRAFICA TRE(E)PIDATION DI GIAMPAOLO SGURA

Natuzzi Italia Showroom – via Durini 24, Milano
6 giugno 2022 – press day, 10.00 – 20.00 pm
7 giugno 2022, 10 – 17.30
8 – 12 giugno 2022, 10.00 – 20.30

 

INSTALLAZIONE GERMOGLI DI MARCANTONIO

Natuzzi Italia Showroom – Cortile Palazzo Durini Caproni di Taliedo– via Durini 24, Milano
8 e 9 giugno 2022, 10.00 – 20.00

 

Per maggiori informazioni visita: www.natuzzi.com