To provide the best possible service, we use cookies on this site. Continuing the navigation you consent to use them. Read more.

Kaira Looro 2022 – La Casa dei Bambini in Africa

Il concorso internazionale di architettura Kaira Looro sceglie come tema centrale della competizione di quest’anno la progettazione di una casa per i bambini nel sud del Senegal per la tutela della salute e il contrasto alla malnutrizione. La “Casa dei Bambini” dovrà essere un luogo caldo e accogliente, in cui sia possibile svolgere attività volte a contrastare la malnutrizione infantile in un contesto rurale dell’Africa Sub-Sahariana. Attualmente sono 149 milioni i bambini nel mondo che soffrono di ritardo di crescita a causa di problemi nutrizionali provocati dalla povertà, dai conflitti e dalle crisi ambientali. Perciò, l’architettura della “Casa dei Bambini” sarà uno spazio destinato a contrastare la malnutrizione infantile tramite la fornitura di materiale nutrizionale, lo sviluppo di programmi di sensibilizzazione igienico- sanitaria, l’organizzazione di visite pediatriche e socio-assistenziali, l’ospitalità di soggetti a rischio e la formazione di infermiere comunitarie. Il concorso si pone come obiettivi il lancio i nuovi talenti nel mondo dell’architettura, la sensibilizzazione della comunità internazionale sulle tematiche di emergenza e il sostegno di progetti umanitari. La partecipazione al concorso è aperta a studenti architetti, designer, ingegneri e chiunque voglia proporre una soluzione al tema. Si potrà partecipare in team o individualmente, con unico requisito la presenza di under 35 nel team. 

Le proposte ricevute saranno valutate da una giuria composta da architetti di rilievo tra i quali: Kengo Kuma (Kengo Kuma & Associates), Mario Cucinella (Mario Cucinella Architects), Agostino Ghirardelli (SBGA | Blengini Ghirardelli), Benedetta Tagliabue (EMBT Miralles Tagliabue), Mphethi Morojele (Mphethi Morojele Design Studio), Alice Dietsch (AL_A), Giuseppe Mazzaglia (MVRDV), Sharon Devis (Sharon Davis Design)), Ligia Nunes (Architecture Sans Frontières International )Saad El Kabbaj, Driss Kettani e Mohamed Amine Siana. Saranno premiati 1°, 2°, 3° posto, 2 menzioni d’onore, 2 menzioni speciali, 20 finalisti e 20 Top 50. Al progetto vincitore andrà un premio in denaro (5.000€) e un internship presso Kengo Kuma & Associates in Giappone oltre che la costruzione del progetto come intervento umanitario. Per il 2° e 3° team classificato rispettivamente saranno riconosciti 2.000€ e 1.000€ e degli internship presso gli studi Mario Cucinella Architects e SBGA Blengini Ghiradelli in Italia.

Tutti i progetti saranno inoltre pubblicati nel sito e nel libro ufficiale del concorso, trasmessi a 30 global media partner del concorso e condivisi con i partner istituzionali. Il progetto dovrà rispondere a determinate esigenze costruttive: essere facilmente realizzabile tramite tecnologie sostenibili e adattabili all’autocostruzione, fare uso di materiali naturali e/o di riciclo disponibili sul territorio, essere integrata al contesto ambientale, sociale e culturale del luogo. L’architettura (di massimo 250 metri quadrati) dovrà accogliere le seguenti attività: Amministrazione, deposito, ospitalità e ludico-ricreative. Il concorso è organizzato dall’Organizzazione Umanitaria Balouo Salo, impegnata in Africa con progetti di beneficenza e il ricavato, ottenuto dalle quote di iscrizione, sarà interamente devoluto alla realizzazione del progetto vincitore in un villaggio del sud del Senegal, lì dove opera la stessa organizzazione.

Le iscrizioni inizieranno dal 15 gennaio 2022

Per maggiori informazioni visitare il sito www.kairalooro.com