To provide the best possible service, we use cookies on this site. Continuing the navigation you consent to use them. Read more.

Ex chiesa diventa il nuovo BUNK Hotel di Amsterdam

Una vera trasformazione per l’ex chiesa Santa Rita di Amsterdam progettata dall’architetto Alexander Kropholler e poi costruita negli anni ’20, che finalmente riapre al pubblico, ma questa volta come BUNK Hotel.
Con 107 camere dalla capienza variabile da una a cinque persone, e 52 pod privati, BUNK hotel Amsterdam è una tra le opzioni più economiche tra le strutture di ospitalità di lusso olandesi.

Il progetto è stato sviluppato dall’architetto Rob Salemans della Raumkultur, in collaborazione con il proprietario dell’edificio ed un team di creativi e designers olandesi.
Il design complessivo dell’architettura è caratterizzata da stili contrastanti: all’esterno infatti è stato mantenuto l’aspetto originale, lasciando intatti elementi come gli archi in mattone e la capriata in legno, mentre le stanze all’interno sono ricavate da blocchi bianchi prefabbricati in HPL che sembrano galleggiare nello spazio.
L’estetica esteriore dell’edificio non è però l’unico elemento storico a cui si è dato rilievo durante la progettazione. Infatti, un monumento commemorativo a cielo aperto ricorda il bombardamento subito dalla chiesa nel 1943, ed una biblioteca per raccontare il passato a viaggiatori e abitanti del luogo.
Per richiamare un’epoca più contemporanea, all’interno della navata è stata ricavata una scalinata che conduce ad una collezione di vecchi vinili e ad uno studio di registrazione/stazione radio UNTOLD.

Sostenibilità e tecnologia si incontrano con spazi divertenti e funzionali e definiscono il carattere di BUNK hotel. La qualità può essere ritrovata in ogni dettaglio, dall’illuminazione ambientale, ai materassi delle camere, o ancora nelle docce nebulizzate ad alta pressione che permettono di diminuire lo spreco d’acqua, negli shampoo biologici e asciugamani in cotone equosolidale messi a disposizione per gli ospiti.
Un check-in automatizzato, WiFi gratuito e prese di ricarica e usb si conformano ad una clientela sempre più tecnologica.

Tra i principi di BUNK hotel troviamo anche l’importanza della condivisione e l’inclusione che vengono rispecchiate negli spazi comuni, nei bagni gender-neutral, nei tavoli comuni nell’area di ristoro.
Eventi sociali e culturali vengono inoltre proposti ogni settimana nella struttura.

BUNK hotel di Amsterdam è la seconda chiesa monumentale, dopo quella già rivisitata di Utrecht, riconvertita in un luogo dedicato ai viaggiatori, agli abitanti del posto o ad artisti che possono ritrovarsi e partecipare ad eventi culturali della struttura.

Info http://bunkhotels.com/amsterdam

PROJECT BUNK Hotel
ARCHITECT Rob Salemans
LOCATION Amsterdam
YEAR 2020