To provide the best possible service, we use cookies on this site. Continuing the navigation you consent to use them. Read more.

ENTO: tra evoluzione e nuove sfide con designer di fama internazionale

Ento, una realtà che, forte di un’elegante sobrietà e di una versatilità che supera limiti progettuali e temporali, vanta sempre nuove e rilevanti collaborazioni con designer di fama internazionale sotto l’attenta e decisa direzione artistica di Davide Diliberto.
Il nome Ento è volutamente un termine incompleto: è la parte finale della stessa parola complemento, per rimarcare l’incompletezza reciproca di porte, finestre e meccanismi di apertura e chiusura. Il concept del brand riconosce alla maniglia il ruolo di elemento integrante di un progetto architettonico più ampio, al tempo stesso funzionale ed estetico.

La gamma dei prodotti si articola in tre macrocategorie: prodotti Architetturali, che si integrano visivamente; Estetici, che, al contrario, conferiscono un tono definito al progetto; Speciali, ovvero proposte tecniche di maggior ricercatezza. L’azienda si pone l’obiettivo di facilitare al massimo la fase di scelta per il progettista e offrire la flessibilità per soddisfare progetti custom che prevedono realizzazioni fuori misura e con differenti finiture. Tra queste, Ento propone soluzioni poliedriche come il Cromo lucido, Cromo satinato, H-Grafite – nuova ed evoluta variante, a più alte prestazioni, della stessa grafite –, nichel satinato, ottone lucido, e dal 2020 anche il nuovo Smalto Nero Opaco S-COATING. Quest’ultima finitura, con la sua nuance nero opaco, oltre alle caratteristiche performanti della tecnologia S-COATING, combina una concreta sensazione di semplicità e solidità, e racconta una ben determinata scelta di design: è espressione di un carattere deciso ed elegante, nonché predilezione per uno stile moderno e dal gusto singolare e raffinato.

Ento offre risorse di qualità e stile al servizio di architetti e interior designer, presentando una gamma di prodotti il più ampia possibile. Ogni risultato ottenuto è frutto di un dialogo tra l’azienda e il designer. Un dialogo che è soprattutto uno scambio fertile di vedute, che pone la sensibilità del designer e le filosofie del marchio su una medesima strada da percorrere insieme.
Ogni progetto è stato frutto e risultato di diversi exploits tecnico-funzionali, senza eccezioni, per ottenere le proporzioni migliori, i dettagli che il designer voleva, soluzioni dalle linee pulite ed efficaci (come è stato il fissaggio del collo della maniglia Trace di Lorenzo Damiani, senza elementi meccanici a vista; o le superfici texturizzate delle maniglie Teca di Matteo Nunziati).
Ogni designer che finora ha collaborato con Ento ha contribuito a costruire e creare l’immagine del marchio. Sono previste ulteriori collaborazioni future, che sicuramente evolveranno il know how aziendale e consentiranno di scoprire nuove modalità espressive sia dal punto di vista tecnico sia estetico.

  • Inglese
  • Italiano