To provide the best possible service, we use cookies on this site. Continuing the navigation you consent to use them. Read more.

Completamento del restauro del Palazzo del Monte di Pietà

Il completamento del Palazzo del Monte di Pietà, realizzato dallo studio Armellino & Poggio Architetti Associati con Rodolfo Fallucca e Marco Ricchebono, si pone in continuità con il progetto di restauro, inaugurato nel 2014 degli spazi ora destinati a ospitare il Museo della Ceramica, utilizzando i rimanenti volumi dell’edificio, costituiti dal piano terra che si affaccia direttamente su Via Aonzo e dai quattro locali al piano primo.

L’intenzione progettuale mira alla creazione di alcuni servizi, collegati alla funzione espositiva del Museo della Ceramica, ritenuti fondamentali e necessari per la gestione dello stesso, ossia spazi espositivi temporanei, book-shop, ma anche un punto di ritrovo e ristoro per i visitatori attratti dalle limitrofe emergenze museali savonesi, quali la Cattedrale, La Cappella Sistina, il Museo Diocesano, la Pinacoteca e le future attività culturali e di istruzione che potranno trovare collocazione nel vicino Palazzo della Rovere.

Il criterio generale seguito è riconducibile al massimo rispetto dell’impianto strutturale degli ambienti, cercando di intervenire con minime e necessarie modifiche per creare la connessione con l’adiacente funzione museale.
Il collegamento tra i due piani è realizzato mediante una scala ricavata nell’originario caveau del Monte di Pietà; la scala è costituita da una struttura avvolgente metallica in inox circondata da pannelli verticali in vetro retroilluminati.
Parte del piano terreno, prospiciente la piazzetta del Vescovado, ospita il Ristorante Bino (dello chef stellato G. Ricchebuono), uno spazio in continuità tra ristorazione e arte.

La sala principale accoglie, in posizione privilegia ed in grado di catturare da subito l’attenzione del visitatore, il grande altorilievo di Agenore Fabbri, “La nascita della Ceramica”, restaurato dall’artista savonese Sandro Lorenzini.
I diversi elementi di arredo realizzati a progetto sono pensati in un’ottica di pulizia e linearità, richiamando gli allestimenti espositivi del Museo e sono realizzati in legno di rovere massello e vetro.
Da evidenziare gli elementi decorativi in ceramica realizzati dalla Fabbrica Ceramiche Giuseppe Mazzotti di Albisola 1903, su disegno di Armellino&Poggio.
Per maggiori informazioni, visitate il sito www.armellinopoggio.it.

PROJECT Museo della Ceramica di Savona
ARCHITECTS Armellino & Poggio Architetti Associati con Rodolfo Fallucca e Marco Ricchebono
LOCATION Savona
YEAR 2020

  • Inglese
  • Italiano