To provide the best possible service, we use cookies on this site. Continuing the navigation you consent to use them. Read more.

Castaldi: l’illuminazione architetturale si fa design

Castaldi torna ad essere protagonista dell’illuminazione architetturale outdoor e indoor. L’essenzialità delle luci architetturali da esterno, da interni e per l’arredo urbano, rivela le alte performance tecnologichebdei prodotti; la ricerca sulle finiture, i colori, i dettagli, rimandano al mondo del design per restituire fascino e umanità al progetto. Per la prima volta l’illuminazione tecnica indaga la sfera emozionale ed esperienziale con una serie di prodotti realizzati completamente in Italia.

Lavorare su un’eccellenza del lighting italiano come Castaldi, è stata un’operazione molto complessa e stimolante. Abbiamo individuato i codici da cui è nato il marchio e su questi abbiamo costruito il brief per le nuove collezioni: ci siamo concentrati sull’architettura del prodotto e sull’ingegneria della luce che sono i due temi fondanti della storia di Castaldi”, racconta Marco Acerbis, product curator di Castaldi. Tutte le collezioni sono nate dalla pressofusione dell’alluminio, ad eccezione di Rosebud, che è realizzata con la tecnica dell’idroformatura e rappresenta un’innovazione nell’ambito dell’illuminazione outdoor. Firmata da Neil Poulton, la linea è un vero e proprio omaggio alla natura. “Il mio lavoro è molto influenzato da quello dello scultore Costantin Brancusi, di cui apprezzo la capacità di ridurre la materia all’essenziale. In questo progetto ho unito questa ricerca di minimalismo a un nuovo modo di intendere la luce outdoor: fino ad oggi questo genere di illuminazione si ispirava al mondo architettonico, agli edifici in cui le luci venivano inserite; io ho pensato, invece, di creare una sintonia fra lampada e natura. Ecco che è nato un ramo illuminante, che ricorda quelli dei cespugli di rose”, ha commentato Neil Poulton. Il designer scozzese ha firmato per Castaldi anche la famiglia Nail.

Un altro prestigioso nome del design entra a far parte del modo Castaldi: lo svedese Olle Lundberg firma il progetto Disc. Un semplice anello dalla grande complessità progettuale, dà vita a una serie di proposte di diverse misure, dal bollard alto 60 centimetri al palo di cinque metri pensato per gli spazi pubblici. Ogni collezione Castaldi è declinata in diverse varianti e personalizzabile, fino ad arrivare alla massima customizzazione con il progetto modulare Way Linear System per l’indoor. Sempre per gli spazi interni, l’azienda attualizza e riedita un grande classico: Sosia.

Per maggiori informazioni visita: auralis.lighting