To provide the best possible service, we use cookies on this site. Continuing the navigation you consent to use them. Read more.

Assembly

Lo spazio Assembly si estende su ex salotti posti al secondo piano di un edificio di appartamenti progettato secondo lo stile dell’Art Nouveau settentrionale. Un nuovo laboratorio artistico inclusivo ospita una piattaforma di discussione, una sala espositiva, una sala di lettura e di lavoro e spazi per le pratiche performative e la danza contemporanea. Nell’area d’ingresso si trova una cucina self-service. Ogni zona è anche un luogo destinato a varie attività. Per esempio, la sala di lettura combina sia il co-working che un laboratorio permanente dedicato alla pratica della traduzione di testi sull’arte contemporanea.

Nel dialogo con i curatori e il patron di Assembly, lo studio ZVON ha progettato questo spazio per essere il più flessibile possibile in termini di circolazione, funzionalità e utilizzo. Così, le superfici espositive si trovano anche nell’area d’ingresso e nelle sale di performance, mentre la sala espositiva può servire come piattaforma per vari eventi. Assembly riunisce artisti famosi e adolescenti di famiglie in affidamento, performer e “laboratori del cammino”, ricercatori di vegetazione urbana e poeti. Si crea quindi un micro-ambiente e un micro-clima particolare, sia dal punto di vista sociale che spaziale.

I muri di mattoni esistenti sono lasciati parzialmente a vista (il vecchio mattone è stato sabbiato, coperto con una vernice opaca incolore), parzialmente coperti con uno spesso strato di intonaco, dipinti. Uno dei muri di mattoni con quattro aperture ha richiesto un rinforzo, che è stato sviluppato dagli ingegneri. Diverse parti di questi rinforzi sono rimaste visibili. Lo strato di finitura del pavimento nella maggior parte delle stanze è vernice poliuretanica, e nella sala da ballo – linoleum da ballo. Il soffitto è parzialmente coperto da pannelli in fibra di legno. I mobili sono progettati in compensato di betulla, strutture metalliche saldate e policarbonato cellulare.

Alla luce dei recenti tragici eventi consideriamo particolarmente importante parlare di luoghi come Assembly, dove le voci sottorappresentate di artisti e minoranze sociali possono essere ascoltate.
Per ulteriori informazioni consultate la pagina Instagram dello studio www.instagram.com/zvon.studio.

CREDITI
Progetto: Assembly
Studio: Studio ZVON
Staff: Maria Kremer, Timur Abilov, Daniil Narinsky, Sonya Korotkova
Luogo: San Pietroburgo, Russia